La vita degli uomini: un corteo di maschere guidato dalla Fortuna

Pensavo che la vita degli uomini fosse simile a un grande corteo e che la Sorte guidasse e disponesse ogni cosa, applicando maschere differenti e variopinte ai partecipanti: avendo, infatti, preso uno per caso, lo vestí da re, avendogli attribuito una tiara e assegnato una scorta e incoronato la testa col diadema, invece a un altro assegnò il ruolo di servo; ordinò che uno fosse bello, invece dispose che un altro fosse deforme e ridicolo: bisogna, infatti, che lo spettacolo sia vario — penso. Spesso, poi, cambiò i caratteri di alcuni anche nel mezzo del corteo, non consentendo di condurre fino alla fine la processione come avevano avuto l’ordine di fare, ma, dopo aver fatto indossare un nuovo abito a Creso, lo costrinse ad assumere l’abito dello schiavo e del prigioniero, invece investí Meandrio, che fino a quel momento sfilava tra i servi, della tirannide di Policrate. E fino a qualche momento fa ha permesso di usare una maschera; ma qualora fosse arrivato il momento stabilito del corteo, allora ciascuno, dopo aver reso l’abito ed essersi spogliato della maschera, è stato col corpo com’era prima di nascere, non differendo affatto dal vicino.

Traduzione di Riccardo Cazzin

Scarica la traduzione con il testo in greco qui.